☭    "Non è difficile essere rivoluzionari quando la rivoluzione è già scoppiata e divampa... È cosa molto più difficile - e molto più preziosa - sapere essere rivoluzionari quando non esistono ancora le condizioni per una lotta diretta, aperta, effettivamente di massa, effettivamente rivoluzionaria; saper propugnare gli interessi della rivoluzione (con la propaganda, con l'agitazione, con l'organizzazione) nelle istituzioni non rivoluzionare, sovente addirittura reazionarie, in un ambiente non rivoluzionario, fra una massa incapace di comprendere subito la necessità del metodo rivoluzionario di azione"     ☭    



Internazionale

«Noi lottiamo per un socialismo democratico»


MAGGIO 15, 2017

Riceviamo e pubblichiamo
Redazione Aurora Proletaria


Conversazione con Riza Altun
Riza Altun è uno dei membri fondatori del «Partito dei lavoratori del Kurdistan» (PKK). Fa parte del Comitato centrale del PKK e contemporaneamente del Consiglio esecutivo del KCK (Koma Civakên Kurdistan – Comunità delle Società del Kurdistan), una confederazione d‘organizzazioni vicine al par- tito operaio. Dopo gli anni ’80 era detenuto per oltre 10 anni nelle carceri turche, fra l’altro nelle celle della tortura a Diyarbakir. Dopo il suo rilascio è stato attivo in molti settori del PKK. Ora è portavoce della Commissione per le relazioni con l‘estero del KCK.

L’intervista con il compagno è stata realizzata sui monti Kandil a metà dicembre del 2016. Il «Re- volutionaerer Aufbau Schweiz» è riuscito ad organizzare questo incontro nelle montagne malgrado gli attacchi aerei ed i rischi di guerra. La migliore conoscenza è una base importante per costruire e rafforzare la necessaria solidarietà rivoluzionaria.
Per leggere l'intervista clicca qui









Antono Gramsci:Alcuni temi della quistione meridionale

Come si legge in 2000 pagine, cit., il manoscritto andò smarrito nei giorni dell'arresto di Gramsci e fu ritrovato da Camilla Ravera tra le carte che Gramsci abbandonò nell'abitazione di via Morgagni.
Il saggio fu pubblicato nel gennaio 1930 a Parigi nella rivista Stato Operaio, con una nota in cui è detto: «Lo scritto non è completo e probabilmente sarebbe stato ancora ritoccato dall'autore, qua e là. Lo riproduciamo senza alcuna correzione, come il migliore documento di un pensiero politico comunista, incomparabilmente profondo, forte, originale, ricco degli sviluppi piú ampi. ».




Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.