☭    rojava : Comunicato di solidarietà alle compagne e compagni di Torino.    ☭    Nuova sezione : Stampa Clandestina    ☭    I DIS/SOLUZIONISTI    ☭    Andrej Fursov "Stalin venne lasciato morire"    ☭    Secours Rouge - Vittoria dei prigionieri bulgari    ☭    Stalin è più attuale che mai!     ☭    PROLETARI DI TUTTI I PAESI UNITI CONTRO SFRUTTAMENTO, RAZZISMO, IMPERIALISMO    ☭    A fianco degli antifascisti arrestati e del proletariato in lotta!    ☭    Con la resistenza di Afrin    ☭    Contro l'antifascismo di facciata e padronale    ☭    Campagna di sostegno ai quattro lavoratori SAFIM licenziati per rappresaglia!    ☭    CONTRO I LADRONI DEL G7 ! UNITA' INTERNAZIONALISTA DELLA CLASSE OPERAIA    ☭    Corea democratica, Paese sovrano che resiste    ☭    La cocaina della Chiquita e gli squadroni della morte sionisti    ☭    La democrazia è la dittatura della borghesia!    ☭    PT-SRI (Proletari Torinesi per il Soccorso Rosso Internazionale)    ☭    Reggio Emilia 1960    ☭    Enver Hoxha : L'eurocomunismo è anticomunismo    ☭    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!    ☭    Germania : Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell’art. 129 b    ☭    Gli USA tramano apertamente contro il Venezuela    ☭    Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?    ☭    Lenin : Stato e Rivoluzione    ☭    Il ruolo fondamentale di Stalin nell’Ottobre Rosso    ☭    Solzhenitsyn ai raggi X - Anatomia di un mito anticomunista    ☭    Estendere la solidarietà proletaria    ☭    Siria: un altro punto di vista    ☭    Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe    ☭    Come gli USA attaccano i governi di sinistra latinoamericani    ☭    Stalin: Trotzkismo o Leninismo?    ☭    Gli agenti della CIA catturati ad Aleppo    ☭    Contratto METALMECCANICI un'altro colpo alla dignità dei lavoratori    ☭    Il macabro gioco delle fosse comuni: il Caso di Kirov. Prove tecniche di rinnovato anti-sovietismo?    ☭    Mosul, le forze sciite irachene sventano le trame di wahhabiti, Stati Uniti e Turchia    ☭    Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia    ☭    La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara    ☭    Sviluppi politici nel Kurdistan Occidentale (Kurdistana Rojava)    ☭    Solidarietà rivoluzionaria con il ROJAVA    ☭    REFERENDUM SULLA COSTITUZIONE     ☭    Rafforzare ed estendere resistenza    ☭    C’ é ancora chi lotta contro il modello Marchionne    ☭    Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!    ☭    Collettivo Aurora - La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia!    ☭    



Prima Pagina

Conclusioni in merito al fallimento del rafforzamento del Centro clandestino del (n)PCI


Fedeli al motto “i panni sporchi si lavano in famiglia”, il Partito dei CARC e il (n)PCI sembra che abbiano deciso di non sviluppare alcun dibattito in merito alla vicenda a loro accaduta (vedi raccolta in 4 puntate su uniforcom.blogspot.com) e che hanno reso nota al pubblico, tanto che viene da chiedersi perché l’abbiano sbandierata ai quattro venti, se poi non accettano di far fronte ai commenti, alle critiche e alle osservazioni che tale vicenda ha suscitato. Facciamocene una ragione.

Certo non si può affermare che le questioni che tale vicenda ha suscitato siano di interesse esclusivo di quei due partiti, come abbiamo illustrato in più passaggi nelle nostre puntate sul tema; esse sono invece di interesse di tutto il movimento comunista. Quindi per quale ragioni questi due partiti hanno lanciato un sasso per poi ritirare la mano? A nostro avviso la ragione sta nel fatto che gli organi dirigenti di questi due partiti, ma in particolare quello del (n)PCI

1. concepiscono in modo non dialettico il processo di verifica della giustezza della linea, il processo di formazione dei quadri e la lotta tra le due linee;

2. impostano con un metodo piccolo borghese, da setta, le relazioni tra le istanze del partito e del partito con l’esterno.

Quindi quando si trovano di fronte a critiche che smascherano questi errori non hanno altra via che appellarsi alle loro regole interne, alla compartimentazione, al silenzio verso l’esterno imposto anche ai loro diretti. Appellarsi al fatto che si tratta di questioni e dettagli interni è solo un modo per non assumersi le proprie responsabilità. Alla faccia della dichiarazione di voler promuovere un dibattito franco e aperto! D’altra parte il fatto che il (n)PCI non rispetti i principi fondamentali dedotti dall’esperienza del movimento comunista e nemmeno i propri stessi propositi non deve stupire più di tanto, dato che nemmeno rispetta il suo stesso Statuto, che all’articolo 7 dichiara: “[…] fino all’instaurazione del socialismo esso [il (n)PCI] mantiene segreta l’identità dei suoi membri e delle sue organizzazioni” (in La Voce n°34).

In ogni caso noi abbiamo ritenuto che aprire una breccia nel muro di silenzio su questioni di rilevanza generale per tutto il movimento comunista sia un dovere di ogni comunista e di ogni organizzazione o partito che si definisca tale. Se i compagni che hanno seguito anche solo in parte questa vicenda credono che quanto abbiamo mostrata in merito alla condotta di questi due partiti sia contrario ai principi deducibili dalla nostra comune esperienza, allora che dica la sua.

ex membri della carovana del (n)PCI



Link Utili

Elenco Articoli
della prima pagina






Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.