☭    rojava : Comunicato di solidarietà alle compagne e compagni di Torino.    ☭    Nuova sezione : Stampa Clandestina    ☭    I DIS/SOLUZIONISTI    ☭    Andrej Fursov "Stalin venne lasciato morire"    ☭    Secours Rouge - Vittoria dei prigionieri bulgari    ☭    Stalin è più attuale che mai!     ☭    PROLETARI DI TUTTI I PAESI UNITI CONTRO SFRUTTAMENTO, RAZZISMO, IMPERIALISMO    ☭    A fianco degli antifascisti arrestati e del proletariato in lotta!    ☭    Con la resistenza di Afrin    ☭    Contro l'antifascismo di facciata e padronale    ☭    Campagna di sostegno ai quattro lavoratori SAFIM licenziati per rappresaglia!    ☭    CONTRO I LADRONI DEL G7 ! UNITA' INTERNAZIONALISTA DELLA CLASSE OPERAIA    ☭    Corea democratica, Paese sovrano che resiste    ☭    La cocaina della Chiquita e gli squadroni della morte sionisti    ☭    La democrazia è la dittatura della borghesia!    ☭    PT-SRI (Proletari Torinesi per il Soccorso Rosso Internazionale)    ☭    Reggio Emilia 1960    ☭    Enver Hoxha : L'eurocomunismo è anticomunismo    ☭    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!    ☭    Germania : Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell’art. 129 b    ☭    Gli USA tramano apertamente contro il Venezuela    ☭    Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?    ☭    Lenin : Stato e Rivoluzione    ☭    Il ruolo fondamentale di Stalin nell’Ottobre Rosso    ☭    Solzhenitsyn ai raggi X - Anatomia di un mito anticomunista    ☭    Estendere la solidarietà proletaria    ☭    Siria: un altro punto di vista    ☭    Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe    ☭    Come gli USA attaccano i governi di sinistra latinoamericani    ☭    Stalin: Trotzkismo o Leninismo?    ☭    Gli agenti della CIA catturati ad Aleppo    ☭    Contratto METALMECCANICI un'altro colpo alla dignità dei lavoratori    ☭    Il macabro gioco delle fosse comuni: il Caso di Kirov. Prove tecniche di rinnovato anti-sovietismo?    ☭    Mosul, le forze sciite irachene sventano le trame di wahhabiti, Stati Uniti e Turchia    ☭    Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia    ☭    La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara    ☭    Sviluppi politici nel Kurdistan Occidentale (Kurdistana Rojava)    ☭    Solidarietà rivoluzionaria con il ROJAVA    ☭    REFERENDUM SULLA COSTITUZIONE     ☭    Rafforzare ed estendere resistenza    ☭    C’ é ancora chi lotta contro il modello Marchionne    ☭    Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!    ☭    Collettivo Aurora - La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia!    ☭    



Prima Pagina

SOLIDARIETA' DI CLASSE


05/11/2016

“Autorizzazione negata perché in città ci sono autorità di governo, c’è Renzi e i ministri” è stata la risposta della questura di Firenze agli organizzatori della manifestazione “Firenze dice no”. Si tratta della giornata in cui i renziani del PD si riuniscono alla Leopolda per dare luogo alla loro ridicola Kermesse che durerà due giorni. Come previsto (programmato) dalla Questura, gli sbirri hanno così caricato duramente i manifestanti che, a Firenze, hanno risposto picche alle disposizioni questurine per muovere in corteo verso il luogo della Leopolda. I cani da guardia di Renzi e complici, hanno però trovato una diffusa resistenza alle cariche e in un primo momento sono stati costretti ad indietreggiare per poi, anche a causa dell'ancor ridotto livello organizzativo della piazza, hanno ripreso il relativo controllo della situazione promettendo, per bocca dei pennivendoli di regime, indagini postume approfondite per stabilire le responsabilità individuali di ogni manifestante ripreso da telecamere e da macchine fotografiche.

Insomma, la disposizione della Questura di Firenze e le programmate cariche di polizia, rientrano nella strategia delle forze della repressione al servizio dei potenti di turno e dei loro servi della politica. Il divieto di manifestare, le cariche, i fermi, gli arresti, le disposizioni restrittive, i processi e le condanne, sono ormai esplicitamente parte del sistema di governo democratico borghese che non si pone nemmeno più il problema di mostrare apertamente il suo truce e criminale volto a fronte del procedere della crisi del loro sistema e a fronte delle conseguenti manifestazioni di ribellione popolare contro i suoi soprusi e le sue vessazioni. Non è certo la Turchia ma i passi mossi dalla borghesia imperialista nostrana per mano dei suoi burattini della politica, vanno allegramente, con le dovute diversificazioni, verso il consolidamento di un regime che alla Turchia non avrebbe nulla da invidiare se non l'occasione di un finto colpo di Stato per fare definitivamente piazza pulita degli oppositori.

La strategia degli organi repressivi nostrani è molto chiara: SCORAGGIARE, DISARTICOLARE E SOPPRIMERE LA SOLIDARIETA' TRA PROLETARI IN LOTTA (SOLIDARIETA' DI CLASSE) ATTRAVERSO LA VIOLENZA, LE INCARCERAZIONI E I DECRETI RESTRITTIVI INDIVIDUALI O AD AMPIO RAGGIO. Insomma, attraverso il terrorismo di Stato! Non è certo la Turchia ma... Questa analisi ci potrebbe aiutare a comprendere quanto la borghesia nostrana abbia, oggi più che mai, il terrore che possa rafforzarsi la solidarietà di classe costruita ed espressa, in primo luogo, proprio nel fuoco della lotta che deve assumere pratiche autonome dal comune criterio dettato dalla borghesia, dalle regole del sistema borghese e dallo stesso codice penale. In passato, durante il lungo ed appassionato periodo di quella che dagli anni 70 fino alla metà degli anni 80 era una vera e propria guerra civile tra le Brigate Rosse e lo Stato borghese, la solidarietà di classe diffusa ed articolata, rappresentava uno dei punti di forza del movimento armato. La Storia è Storia ed essa ci racconta che i cani da guardia della borghesia, compresero ben presto che per assestare colpi decisivi alla lotta armata, avrebbero dovuto scardinare la diffusa solidarietà di classe attorno e all'interno del movimento. Per raggiungere questo scopo la controrivoluzione utilizzò ogni mezzo necessario: rastrellamenti, fermi ed arresti di massa, torture, isolamento; pentitismo e dissociazione fecero il resto. Sul fronte politico borghese invece, quando non si mostravano sufficienti le intimidazioni poliziesche, la borghesia di sinistra (PCI e CGIL in testa) si adoperò, utilizzando i limiti e le debolezze espresse dal movimento armato, in una campagna denigratoria ed infamante al fine di isolarlo dalle masse proletarie e in particolare dalla classe operaia.

Anche questo racconto della Storia dovrebbe metterci in guardia sull'essenziale contributo della solidarietà di classe al movimento rivoluzionario; una solidarietà che deve necessariamente superare la concezione borghese che sancisce le differenze tra “compagni buoni e compagni cattivi” e che definirebbe “giusti o sbagliati” “legittimi o illegittimi” i provvedimenti di polizia e giudiziari contro quelli che la sinistra borghese definirebbe “compagni che sbagliano” lanciando sassi o imbracciando le armi.

(Redazione di Aurora proletaria)





Link Utili

Elenco Articoli
della prima pagina






PARTITI DISORGANICI E PARTITO OPERAIO INDIPENDENTE

riceviamo e pubblichiamo il contributo di Scintilla al dibattito sul partito
redazione aurora proletaria

Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.

Collettivo Aurora
La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia

Un appello alla trasformazione dei rapporti tra i comunisti, per l’ unione delle forze e la rinascita del movimento comunista.