☭    Nuova sezione : Stampa Clandestina    ☭    I DIS/SOLUZIONISTI    ☭    Andrej Fursov "Stalin venne lasciato morire"    ☭    Secours Rouge - Vittoria dei prigionieri bulgari    ☭    Stalin è più attuale che mai!     ☭    PROLETARI DI TUTTI I PAESI UNITI CONTRO SFRUTTAMENTO, RAZZISMO, IMPERIALISMO    ☭    A fianco degli antifascisti arrestati e del proletariato in lotta!    ☭    Con la resistenza di Afrin    ☭    Contro l'antifascismo di facciata e padronale    ☭    Campagna di sostegno ai quattro lavoratori SAFIM licenziati per rappresaglia!    ☭    CONTRO I LADRONI DEL G7 ! UNITA' INTERNAZIONALISTA DELLA CLASSE OPERAIA    ☭    Corea democratica, Paese sovrano che resiste    ☭    La cocaina della Chiquita e gli squadroni della morte sionisti    ☭    La democrazia è la dittatura della borghesia!    ☭    PT-SRI (Proletari Torinesi per il Soccorso Rosso Internazionale)    ☭    Reggio Emilia 1960    ☭    Enver Hoxha : L'eurocomunismo è anticomunismo    ☭    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!    ☭    Germania : Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell’art. 129 b    ☭    Gli USA tramano apertamente contro il Venezuela    ☭    Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?    ☭    Lenin : Stato e Rivoluzione    ☭    Il ruolo fondamentale di Stalin nell’Ottobre Rosso    ☭    Solzhenitsyn ai raggi X - Anatomia di un mito anticomunista    ☭    Estendere la solidarietà proletaria    ☭    Siria: un altro punto di vista    ☭    Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe    ☭    Come gli USA attaccano i governi di sinistra latinoamericani    ☭    Stalin: Trotzkismo o Leninismo?    ☭    Gli agenti della CIA catturati ad Aleppo    ☭    Contratto METALMECCANICI un'altro colpo alla dignità dei lavoratori    ☭    Il macabro gioco delle fosse comuni: il Caso di Kirov. Prove tecniche di rinnovato anti-sovietismo?    ☭    Mosul, le forze sciite irachene sventano le trame di wahhabiti, Stati Uniti e Turchia    ☭    Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia    ☭    La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara    ☭    Sviluppi politici nel Kurdistan Occidentale (Kurdistana Rojava)    ☭    Solidarietà rivoluzionaria con il ROJAVA    ☭    REFERENDUM SULLA COSTITUZIONE     ☭    Rafforzare ed estendere resistenza    ☭    C’ é ancora chi lotta contro il modello Marchionne    ☭    Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!    ☭    Collettivo Aurora - La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia!    ☭    



Prima Pagina

Astensione operaia!


Da Scintilla n. 86, febbraio 2018
http://www.piattaformacomunista.com/


La classe operaia non può aspettarsi niente di buono da queste elezioni. L’intero processo elettorale, la legge elettorale, i programmi dei partiti in lizza, dimostrano un carattere profondamente antioperaio.
Si tratta di elezioni gestite dietro il paravento dal capitale monopolistico, che ha già pronta la sua soluzione di governo, qualsiasi sarà il risultato elettorale.
Queste elezioni - che esprimono la decadenza della democrazia borghese e di un Parlamento che non conta nulla di fronte alla Borsa - non riservano altra scelta alla classe operaia, che non sia il rifiuto consapevole del voto. Noi comunisti insistiamo sul significato politico dell’astensione attiva in questa tornata elettorale.
Votare per la politica interclassista e ambigua del M5S, per il confusionismo di “Potere al popolo”, per i socialdemocratici di LeU responsabili di tante sconfitte operaie, non è un’alternativa, ma un voto inutile e dannoso dal punto di vista proletario.
Nemmeno serve appoggiare liste che di comunista hanno solo il simbolo, ma sono distanti anni luce dal programma e dalla politica del proletariato rivoluzionario.
In assenza di un autentico partito indipendente di classe, o almeno di una lista di fronte unico proletario, il rifiuto del voto è oggi sul piano elettorale la forma più efficace, radicale e incisiva di protesta sociale. E’ la scelta più seria della classe operaia, quella che esprime la maggiore carica di ribellione contro il capitalismo agonizzante che ci condanna allo sfruttamento bestiale, alla disoccupazione, alla povertà, all’insicurezza della vita, che ci nega i diritti e il futuro.
Astenersi in queste elezioni vuol dire rivendicare tutte le lotte che abbiamo condotto in questi ultimi cinque anni (art. 18, licenziamenti, scuola, ambiente, controriforme, etc.) che sono state sistematicamente disattese, represse, tradite, dai partiti borghesi e piccolo borghesi.
Vuol dire esprimere tutto il disgusto che proviamo per una classe dominante e i suoi valletti, incapaci di rispondere alle esigenze reali dei lavoratori, dei giovani, delle donne, ma capaci di funzionare come una gigantesca idrovora che succhia la ricchezza che gli operai producono.
Decidere di non votare è non solo legittimo, ma doveroso in elezioni manipolate da una legge elettorale fraudolenta. E’ la soluzione politicamente e moralmente più limpida, la più dignitosa, la più civile per dire NO a questo barbaro sistema economico, politico e sociale.
Lavoriamo per ottenere la più alta astensione (così come di voti nulli e bianchi) così da delegittimare l’ordinamento borghese, togliere autorità e consenso alla classe dominante, ai suoi politicanti corrotti, ai suoi governi predoni.
Rifiutiamo assieme al voto un sistema reazionario su tutta la linea, incapace di dare risposte ai bisogni operai, ma pronto a proseguire nella sua criminale politica di miseria e di guerra.
Questa è la “campagna elettorale” del proletariato rivoluzionario, che non smetterà per un attimo di agitare le sue rivendicazioni parziali e il suo programma politico chiaro e preciso, che si basa sulla lotta generale di tutti gli sfruttati e gli oppressi contro gli sfruttatori e gli oppressori, mirando diritto alla rivoluzione e al socialismo!
Non ci facciamo fregare, non votiamoli, ma boicottiamoli, organizziamoci e lottiamo per conquistare una nuova società!



Link Utili

Elenco Articoli
della prima pagina






PARTITI DISORGANICI E PARTITO OPERAIO INDIPENDENTE

riceviamo e pubblichiamo il contributo di Scintilla al dibattito sul partito
redazione aurora proletaria

Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.

Collettivo Aurora
La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia

Un appello alla trasformazione dei rapporti tra i comunisti, per l’ unione delle forze e la rinascita del movimento comunista.