☭    rojava : Comunicato di solidarietà alle compagne e compagni di Torino.    ☭    Nuova sezione : Stampa Clandestina    ☭    I DIS/SOLUZIONISTI    ☭    Andrej Fursov "Stalin venne lasciato morire"    ☭    Secours Rouge - Vittoria dei prigionieri bulgari    ☭    Stalin è più attuale che mai!     ☭    PROLETARI DI TUTTI I PAESI UNITI CONTRO SFRUTTAMENTO, RAZZISMO, IMPERIALISMO    ☭    A fianco degli antifascisti arrestati e del proletariato in lotta!    ☭    Con la resistenza di Afrin    ☭    Contro l'antifascismo di facciata e padronale    ☭    Campagna di sostegno ai quattro lavoratori SAFIM licenziati per rappresaglia!    ☭    CONTRO I LADRONI DEL G7 ! UNITA' INTERNAZIONALISTA DELLA CLASSE OPERAIA    ☭    Corea democratica, Paese sovrano che resiste    ☭    La cocaina della Chiquita e gli squadroni della morte sionisti    ☭    La democrazia è la dittatura della borghesia!    ☭    PT-SRI (Proletari Torinesi per il Soccorso Rosso Internazionale)    ☭    Reggio Emilia 1960    ☭    Enver Hoxha : L'eurocomunismo è anticomunismo    ☭    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!    ☭    Germania : Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell’art. 129 b    ☭    Gli USA tramano apertamente contro il Venezuela    ☭    Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?    ☭    Lenin : Stato e Rivoluzione    ☭    Il ruolo fondamentale di Stalin nell’Ottobre Rosso    ☭    Solzhenitsyn ai raggi X - Anatomia di un mito anticomunista    ☭    Estendere la solidarietà proletaria    ☭    Siria: un altro punto di vista    ☭    Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe    ☭    Come gli USA attaccano i governi di sinistra latinoamericani    ☭    Stalin: Trotzkismo o Leninismo?    ☭    Gli agenti della CIA catturati ad Aleppo    ☭    Contratto METALMECCANICI un'altro colpo alla dignità dei lavoratori    ☭    Il macabro gioco delle fosse comuni: il Caso di Kirov. Prove tecniche di rinnovato anti-sovietismo?    ☭    Mosul, le forze sciite irachene sventano le trame di wahhabiti, Stati Uniti e Turchia    ☭    Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia    ☭    La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara    ☭    Sviluppi politici nel Kurdistan Occidentale (Kurdistana Rojava)    ☭    Solidarietà rivoluzionaria con il ROJAVA    ☭    REFERENDUM SULLA COSTITUZIONE     ☭    Rafforzare ed estendere resistenza    ☭    C’ é ancora chi lotta contro il modello Marchionne    ☭    Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!    ☭    Collettivo Aurora - La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia!    ☭    



Prima Pagina

Piattaforma di soccorso rosso internazionale


Introduzione

Il progetto per la creazione di un soccorso rosso internazionale è partito nell'autunno 2000. Questa piattaforma è stata riformulata nell'aprile 2016, sulla base della piattaforma adottata nel dicembre 2000 e basata su 15 anni di esperienza nella costruzione di un'organizzazione di solidarietà di classe internazionale.


Contesto

Mentre la repressione borghese approfondisce ed estende la sua offensiva prendendo una dimensione sempre più transnazionale, l'organizzazione della solidarietà di classe attraverso i confini diventa un imperativo vitale. Red Aid International comprende la solidarietà di classe di fronte alla repressione come parte della lotta rivoluzionaria.


La nostra attività

La sua attività mira a:
* Aumentare le capacità di resistenza alla repressione dei movimenti di combattimento, e ciò attraverso l'analisi delle evoluzioni e dei progressi (tecnici, legali, organizzativi) della repressione e dei mezzi per resistervi.
* Sostenere i militanti rivoluzionari e combattenti delle lotte di liberazione nazionale imprigionati, lavoratori, disoccupati, studenti, giovani e donne delle masse, represse per la loro attività anti-capitalista, anti-fascista e anti-imperialiste (scioperi, dimostrazioni, ecc). Questo sostegno può assumere forme diverse (politiche, economiche, legali, assistenza ai parenti dei detenuti) ma è determinante la dimensione politica.
* riconoscere che i detenuti / rivoluzionari sono patrimonio prezioso della lotta di classe e l'esperienza della rivoluzione proletaria, come una presenza viva nella ridefinizione corrente del campo rivoluzionario come una forte presenza nella ricerca un nuovo progresso rivoluzionario. I prigionieri rivoluzionari
Sono l'espressione dei tentativi più avanzati che si sviluppano in alcuni paesi imperialisti, in particolare quando è stato affrontato con coraggio la questione della violenza rivoluzionaria, parte integrante di qualsiasi processo rivoluzionario per abbattere il potere della borghesia imperialista.
Le loro condizioni di detenzione e la loro implacabile persecuzione sono la parte più visibile della politica repressiva complessiva che sta interessando l'intera classe lavoratrice. Da qui la necessità di unificare i diversi temi di questa repressione politica di classe.
Sono considerati / e come prigioniero / a tutte i politici e tutti gli attivisti / rivoluzionari detenuti / e per le loro attività politiche e politico-militare, così come tutti i lavoratori, contadini, disoccupati, studenti, giovani e donne delle masse e altri perseguitati e imprigionati come parte della lotta anticapitalista, antifascista e antimperialista. Dove c'è oppressione, c'è resistenza. La resistenza degli oppressi è contrastata dalla repressione della borghesia, indipendentemente dai loro rappresentanti politici nella direzione dei loro regimi, fascisti, reazionari o cosiddetti democratici.
SRI sostiene la causa delle lotte anticapitaliste per la liberazione nazionale, quando si tratta di un passo sulla strada verso il socialismo, in base al criterio del indebolimento e il rafforzamento del movimento operaio come insieme. L'SRI esclude dal suo lavoro di supporto tutti i prigionieri che combattono per cause reazionarie, oscurantiste e anti-popolari come sciovinismo, religione o razzismo.
L'SRI dice che la solidarietà con i prigionieri deve essere il luogo in cui le differenze politiche, ideologiche e organizzative devono essere le meno influenti. Il dovere di unità attorno ai prigionieri e di fronte alla repressione borghese porta l'SRI a rifiutare, in anticipo, la possibilità di prendere posizione in un conflitto interno al movimento rivoluzionario, sia all'interno di un'organizzazione o tra due organizzazioni.
Il Secours Rouge Internazionale difende l'identità politica dei prigionieri rivoluzionari, lavora per portare la realtà dei prigionieri rivoluzionari alle masse in lotta, per chiedere la liberazione dei prigionieri malati, supporta le richieste e le lotte dei compagni di prigionia, ha denunciato tutte le forme di isolamento, tutte le forme di tortura, sentenze lunghe, cosiddette misure di sicurezza, restrizioni sulla libertà condizionale, leggi di emergenza, doppie punizioni, espulsioni ed estradizioni.

La nostra costruzione


Il processo di costruzione di un SRI può essere fatto solo se i diversi progetti politici possono collaborare lealmente alla rigorosa applicazione della piattaforma, il framework dell'SRI. L'attività dell'International Red Aid non è umanitaria o caritatevole, è politica. Non è neutrale, fa parte del grande movimento anticapitalista, anti-imperialista, antifascista, che mira a rovesciare lo sfruttamento e l'oppressione.
Ciò significa necessariamente che le forze costituenti dell'SRI hanno ciascuna il loro progetto politico e strategico di lotta anticapitalista. E ha senso che queste forze considerino l'SRI come parte di una strategia globale rivoluzionaria. Questa "strumentalizzazione" dell'SRI è legittima per tutto ciò:
* c'è un rigoroso rispetto per la piattaforma SRI.
* che l'SRI non sia coinvolto in lotte di linea, o trasformato in un campo di battaglia per lotte di linea.

Gruppi di membri


I gruppi che costituiscono il soccorso rosso internazionale sono diversi:
* perché hanno una natura diversa: alcuni sono collegati alle organizzazioni e quindi hanno un'identità politica ben definita, altri riuniscono membri con identità politiche diverse;
* perché hanno identità politiche diverse;
* perché hanno diverse realtà militanti: alcuni gruppi sono molto importanti nei numeri, altri sono molto piccoli, altri sono vecchi, altri recenti, ecc.
* perché provengono da paesi diversi e da storie diverse, e quindi hanno una particolare "cultura politica".
* perché hanno particolari realtà soggettive, perché sono in realtà oggettive particolari, perché lo sviluppo reciproco è ineguale:
Per questo motivo, nel corso degli anni, nel corso delle conferenze, sono stati sviluppati metodi di lavoro, discussione e gestione delle differenze. Questi metodi sono diventati parte integrante del processo di costruzione dell'SRI. Solo le forze che approvano, assimilano e praticano questi metodi sono ammesse in questo processo di costruzione.

Unità e divergenza


L'SRI non mette in discussione l'importanza fondamentale delle battaglie di linea per il movimento rivoluzionario. La situazione del movimento rivoluzionario nel periodo attuale, il numero di questioni strategiche, tattiche, ecc. ancora da risolvere necessariamente chiama questo tipo di dibattiti e di lotte. Ma questi devono servire da motore per la lotta rivoluzionaria e non da freno alla solidarietà.
L'unità attorno alle questioni dei metodi è qualcosa che viene scoperto nella pratica comune. Oltre all'accordo sui principi, l'instaurazione di un rapporto di lavoro è un prerequisito per qualsiasi riavvicinamento di una forza con l'SRI. Lo spazio privilegiato di questi rapporti di lavoro è la partecipazione alle campagne tematiche, internazionali e puntuali che l'SRI intraprende (a volte su richiesta di uno dei suoi membri, a volte su richiesta di una forza esterna, a volte su iniziativa della sua segreteria internazionale). Il modo in cui i gruppi contribuiscono (secondo i loro punti di forza) alle campagne internazionali di solidarietà si è dimostrato un buon criterio di valutazione.

La nostra tradizione

br> L'IRS è parte della tradizione delle migliori esperienze del movimento comunista internazionale: il Soccorso Rosso Internazionale che esisteva nel periodo delle lotte proletarie e antifascisti negli anni 20 e 30, così come i suoi sforzi di ricostruzione in Anni 70. Non si tratta di replicare questa esperienza, tanto le condizioni sono cambiate, ma di trarne insegnamenti e di assumere il suo retaggio e collegarlo a una prospettiva.

Conclusione


L'SRI è quindi un'organizzazione politica che, sul fronte della dialettica lotta / repressione, si impegna risolutamente in una prospettiva rivoluzionaria.
L'IRS vuole aiutare a sconfiggere le politiche repressive per consentire il rilascio fatica a superare gli ostacoli, lo sviluppo, e alla fine invertire i sistemi operativi e il dominio.

Abolire il capitalismo!

Costruisci solidarietà!





Link Utili

Elenco Articoli
della prima pagina






PARTITI DISORGANICI E PARTITO OPERAIO INDIPENDENTE

riceviamo e pubblichiamo il contributo di Scintilla al dibattito sul partito
redazione aurora proletaria

Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.

Collettivo Aurora
La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia

Un appello alla trasformazione dei rapporti tra i comunisti, per l’ unione delle forze e la rinascita del movimento comunista.