☭    "Non è difficile essere rivoluzionari quando la rivoluzione è già scoppiata e divampa... È cosa molto più difficile - e molto più preziosa - sapere essere rivoluzionari quando non esistono ancora le condizioni per una lotta diretta, aperta, effettivamente di massa, effettivamente rivoluzionaria; saper propugnare gli interessi della rivoluzione (con la propaganda, con l'agitazione, con l'organizzazione) nelle istituzioni non rivoluzionare, sovente addirittura reazionarie, in un ambiente non rivoluzionario, fra una massa incapace di comprendere subito la necessità del metodo rivoluzionario di azione"     ☭    



Iosif Vissarionovic Dzugasvili
Stalin

TUTTO IL POTERE AI SOVIET!


Stalin – Opere Complete vol.3 pag. 351-353


La rivoluzione è in marcia. Presa a fucilate durante le giornate di luglio e seppellita alla Conferenza di Mosca, essa risolleva la testa travolgendo i vecchi ostacoli e creando un nuovo potere. La prima linea delle trincee della controrivoluzione è espugnata. Dopo Kornilov, Kaledin batte in ritirata. Nel fuoco della lotta si rianimano i soviet, che. sembravano morti. Hanno ripreso il timone e guidano le masse rivoluzionarie.
Tutto il potere ai soviet! Questa è la parola d'ordine del nuovo movimento.
Il governo di Kerenski ingaggia la lotta contro questo nuovo movimento. Fin dai primi giorni della rivolta di Kornilov esso aveva minacciato lo scioglimento dei comitati rivoluzionari, trattando come un "abuso di autorità" la lotta contro la cricca di Kornilov. Da allora la lotta contro i comitati non ha smesso di intensificarsi, trasformandosi negli ultimi tempi in una guerra aperta.
Il soviet di Sinferopoli arresta il noto Riabuscinski, coinvolto nel complotto di Kornilov. Il governo Kerenski per tutta risposta ordina che "vengano prese misure per la liberazione di Riabuscinski e per l'incriminazione di coloro che hanno proceduto a questo arresto illegale" (Riec).
A Tashkent tutto il potere passa al soviet e le vecchie autorità vengono destituite. Il governo Kerenski per tutta risposta "prende una serie di misure, tenute per ora segrete, che faranno rinsavire i dirigenti del soviet dei deputati degli operai e dei soldati di Tashkent, che hanno perso il senso della misura" (Russkie Viedomosti).
I soviet esigono un'inchiesta severa e completa sulle azioni di Kornilov e dei suoi adepti. Il governo Kerenski per tutta risposta "limita l'inchiesta a una cerchia insignificante di persone, lasciando inutilizzate alcune fonti molto importanti che darebbero la possibilità di qualificare il delitto di Kornilov come tradimento della patria e non solo come ribellione" (Novaia Gizn, rapporto di Sciubnikov).
I soviet esigono la rottura con la borghesia e in primo luogo con i cadetti. Il governo Kerenski per tutta risposta tratta con i Kisckin e con i Konovalov, invitandoli a entrare nel governo, proclamando "l'indipendenza" del governo dai soviet.
Tutto il potere alla borghesia imperialista!
Questa è la parola d'ordine del governo Kerenski.
Nessun dubbio è possibile: Siamo in presenza di due poteri: da una parte il potere di Kerenski e del suo governo, dall'altra il potere dei soviet e dei comitati.
Il momento che attraversiamo è caratterizzato dalla lotta che si svolge fra questi due poteri.
O il potere del governo Kerenski e allora si avrà l'egemonia dei grandi proprietari fondiari e dei capitalisti, la guerra e lo sfacelo.
O il potere dei soviet e allora si avrà l'egemonia degli operai e dei contadini, la pace e la fine dello sfacelo .
La vita stessa pone la questione in questi termini e non altrimenti.
Durante ogni crisi del potere la rivoluzione ha posto questa questione. Ogni volta i signori conciliatori hanno evitato di dare una risposta diretta e, agendo così, hanno consegnato il potere nelle mani dei nemici. I conciliatori, convocando la conferenza invece del congresso dei soviet, volevano ancora una volta tirarsi indietro e cedere il potere alla borghesia. Ma hanno sbagliato i conti. È venuto il tempo in cui non è più possibile svignarsela.
La questione, posta direttamente dalla vita, esige una risposta chiara e precisa.
Con i Soviet o contro di essi!
Scelganoi signori conciliatori.

Raboci Put n.13

17 settembre 1917

editoriale





Link Utili

Elenco Articoli
della pagina
Stalin






Antono Gramsci:Alcuni temi della quistione meridionale

Come si legge in 2000 pagine, cit., il manoscritto andò smarrito nei giorni dell'arresto di Gramsci e fu ritrovato da Camilla Ravera tra le carte che Gramsci abbandonò nell'abitazione di via Morgagni.
Il saggio fu pubblicato nel gennaio 1930 a Parigi nella rivista Stato Operaio, con una nota in cui è detto: «Lo scritto non è completo e probabilmente sarebbe stato ancora ritoccato dall'autore, qua e là. Lo riproduciamo senza alcuna correzione, come il migliore documento di un pensiero politico comunista, incomparabilmente profondo, forte, originale, ricco degli sviluppi piú ampi. ».




Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.