☭    rojava : Comunicato di solidarietà alle compagne e compagni di Torino.    ☭    Nuova sezione : Stampa Clandestina    ☭    I DIS/SOLUZIONISTI    ☭    Andrej Fursov "Stalin venne lasciato morire"    ☭    Secours Rouge - Vittoria dei prigionieri bulgari    ☭    Stalin è più attuale che mai!     ☭    PROLETARI DI TUTTI I PAESI UNITI CONTRO SFRUTTAMENTO, RAZZISMO, IMPERIALISMO    ☭    A fianco degli antifascisti arrestati e del proletariato in lotta!    ☭    Con la resistenza di Afrin    ☭    Contro l'antifascismo di facciata e padronale    ☭    Campagna di sostegno ai quattro lavoratori SAFIM licenziati per rappresaglia!    ☭    CONTRO I LADRONI DEL G7 ! UNITA' INTERNAZIONALISTA DELLA CLASSE OPERAIA    ☭    Corea democratica, Paese sovrano che resiste    ☭    La cocaina della Chiquita e gli squadroni della morte sionisti    ☭    La democrazia è la dittatura della borghesia!    ☭    PT-SRI (Proletari Torinesi per il Soccorso Rosso Internazionale)    ☭    Reggio Emilia 1960    ☭    Enver Hoxha : L'eurocomunismo è anticomunismo    ☭    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!    ☭    Germania : Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell’art. 129 b    ☭    Gli USA tramano apertamente contro il Venezuela    ☭    Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?    ☭    Lenin : Stato e Rivoluzione    ☭    Il ruolo fondamentale di Stalin nell’Ottobre Rosso    ☭    Solzhenitsyn ai raggi X - Anatomia di un mito anticomunista    ☭    Estendere la solidarietà proletaria    ☭    Siria: un altro punto di vista    ☭    Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe    ☭    Come gli USA attaccano i governi di sinistra latinoamericani    ☭    Stalin: Trotzkismo o Leninismo?    ☭    Gli agenti della CIA catturati ad Aleppo    ☭    Contratto METALMECCANICI un'altro colpo alla dignità dei lavoratori    ☭    Il macabro gioco delle fosse comuni: il Caso di Kirov. Prove tecniche di rinnovato anti-sovietismo?    ☭    Mosul, le forze sciite irachene sventano le trame di wahhabiti, Stati Uniti e Turchia    ☭    Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia    ☭    La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara    ☭    Sviluppi politici nel Kurdistan Occidentale (Kurdistana Rojava)    ☭    Solidarietà rivoluzionaria con il ROJAVA    ☭    REFERENDUM SULLA COSTITUZIONE     ☭    Rafforzare ed estendere resistenza    ☭    C’ é ancora chi lotta contro il modello Marchionne    ☭    Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!    ☭    Collettivo Aurora - La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia!    ☭    



Iosif Vissarionovic Dzugasvili
Stalin

Mao e i giudizi su Stalin


[...] Invece di trattare Stalin come un compagno, l’ hanno trattato come un nemico.
Invece di adottare il metodo della critica e dell’ autocritica, di fare il bilancio delle esperienze, di trarne delle lezioni utili, hanno incolpato Stalin di errori inventati a bella posta. Invece di ragionare, basandosi sui fatti, si sono scagliati contro la persona di Stalin usando un linguaggio insidioso e demagogico.
Kruscev ha coperto Stalin di ingiurie, dicendo che Stalin fu un " assassino ", " un criminale ", " un bandito ", " un despota tipo Ivan il Terribile " ; " il piú grande dittatore della storia russa ", " un imbecille ", " un idiota ", " un giocatore " ... noi abbiamo veramente paura di insozzare la carta e la penna con cui scriviamo essendo obbligati a enumerare degli epiteti cosí grossolani, volgari e infamanti.
Kruscev ha ingiuriato Stalin dicendo che fu il " piú grande dittatore della storia russa ". Ció non equivale a dire che il popolo sovietico ha vissuto per trent’ anni non in un sistema socialista ma sotto la " tirannia " del piú grande dittatore della storia russa?
Mai il grande popolo sovietico e i popoli rivoluzionari di tutto il mondo potranno approvare una simile calunnia! Kruscev ha ingiuriato Stalin definendolo " un despota tipo Ivan il Terribile ". Ció non equivale forse a dire che l’esperienza offerta in trent’anni dal grande PCUS e dal grande popolo sovietico ai popoli di tutto il mondo non é quella della dittatura del proletariato ma quella di un " despota " feudale?
Mai il grande popolo sovietico e i popoli rivoluzionari di tutto il mondo potranno approvare una simile calunnia!
Kruscev ha ingiuriato Stalin chiamandolo " bandito ". Ció non equivale a dire che per un lungo periodo il primo paese socialista del mondo é stato guidato da un " bandito "? Mai il grande popolo sovietico e i popoli rivoluzionari di tutto il mondo potranno approvare una simile calunnia!
Kruscev ha ingiuriato Stalin trattandolo da " imbecille ". Ció non equivale forse a dire che il PCUS, che ha condotto un’eroica lotta rivoluzionaria per molte decine di anni, ha avuto un " imbecille " per capo? Mai i comunisti sovietici e i marxistileninisti di tutto il mondo potranno approvare una simile calunnia!
Kruscev ha ingiuriato Stalin dicendo che era un " idiota ". Ció non equivale forse a dire che la grande Armata rossa, uscita vittoriosa dalla guerra antifascista, aveva un " idiota " come comandante supremo? Mai i valorosi ufficiali e soldati dell’Armata rossa e i combattenti antifascisti del mondo potranno approvare una simile calunnia!
Kruscev ha ingiuriato Stalin considerandolo come un " assassino ". Ció non equivale a dire che per parecchi decenni il movimento comunista internazionale ha avuto un " assassino " come " educatore "? Mai i comunisti di tutto il mondo, compresi quelli dell’Unione Sovietica, potranno approvare una simile calunnia!
Kruscev ha ingiuriato Stalin affermando che era un " giocatore ". Ció non equivale forse a dire che i popoli rivoluzionari in lotta contro l’imperialismo e la reazione, hanno assunto come portavessillo un " giocatore "? Mai i popoli rivoluzionari di tutto il mondo, compreso il popolo sovietico, potranno approvare una simile calunnia!
Le ingiurie lanciate da Kruscev contro Stalin sono i peggiori insulti che si possano rivolgere al grande popolo sovietico, al PCUS, all’esercito sovietico, sono i piú grandi insulti che si possano rivolgere alla dittatura del proletariato, al sistema socialista, al movimento comunista internazionale, ai popoli rivoluzionari del mondo e al marxismo-leninismo.
In che posizione si mette Kruscev quando gonfia il petto, martella di pugni la tavola e grida a piena gola insulti contro Stalin? Lui che al tempo di Stalin partecipava alla direzione del partito e dello Stato, si mette nella posizione di complice di un " assassino " e di un " bandito "? O in quella di " imbecille " e " idiota "?
Che differenza c’ é tra le ingiurie rivolte da Kruscev a Stalin e le ingiurie vomitate contro quest’ultimo dagli imperialisti, dai reazionari e dai rinnegati del comunismo? [...]



Link Utili

Elenco Articoli
della pagina
Stalin






PARTITI DISORGANICI E PARTITO OPERAIO INDIPENDENTE

riceviamo e pubblichiamo il contributo di Scintilla al dibattito sul partito
redazione aurora proletaria

Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.

Collettivo Aurora
La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia

Un appello alla trasformazione dei rapporti tra i comunisti, per l’ unione delle forze e la rinascita del movimento comunista.