☭    rojava : Comunicato di solidarietà alle compagne e compagni di Torino.    ☭    Nuova sezione : Stampa Clandestina    ☭    I DIS/SOLUZIONISTI    ☭    Andrej Fursov "Stalin venne lasciato morire"    ☭    Secours Rouge - Vittoria dei prigionieri bulgari    ☭    Stalin è più attuale che mai!     ☭    PROLETARI DI TUTTI I PAESI UNITI CONTRO SFRUTTAMENTO, RAZZISMO, IMPERIALISMO    ☭    A fianco degli antifascisti arrestati e del proletariato in lotta!    ☭    Con la resistenza di Afrin    ☭    Contro l'antifascismo di facciata e padronale    ☭    Campagna di sostegno ai quattro lavoratori SAFIM licenziati per rappresaglia!    ☭    CONTRO I LADRONI DEL G7 ! UNITA' INTERNAZIONALISTA DELLA CLASSE OPERAIA    ☭    Corea democratica, Paese sovrano che resiste    ☭    La cocaina della Chiquita e gli squadroni della morte sionisti    ☭    La democrazia è la dittatura della borghesia!    ☭    PT-SRI (Proletari Torinesi per il Soccorso Rosso Internazionale)    ☭    Reggio Emilia 1960    ☭    Enver Hoxha : L'eurocomunismo è anticomunismo    ☭    TUTTO IL POTERE AI SOVIET!    ☭    Germania : Condizioni detentive e rappresaglie contro i prigionieri imputati dell’art. 129 b    ☭    Gli USA tramano apertamente contro il Venezuela    ☭    Chi c’è dietro il colpo di Stato contro il Venezuela?    ☭    Lenin : Stato e Rivoluzione    ☭    Il ruolo fondamentale di Stalin nell’Ottobre Rosso    ☭    Solzhenitsyn ai raggi X - Anatomia di un mito anticomunista    ☭    Estendere la solidarietà proletaria    ☭    Siria: un altro punto di vista    ☭    Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe    ☭    Come gli USA attaccano i governi di sinistra latinoamericani    ☭    Stalin: Trotzkismo o Leninismo?    ☭    Gli agenti della CIA catturati ad Aleppo    ☭    Contratto METALMECCANICI un'altro colpo alla dignità dei lavoratori    ☭    Il macabro gioco delle fosse comuni: il Caso di Kirov. Prove tecniche di rinnovato anti-sovietismo?    ☭    Mosul, le forze sciite irachene sventano le trame di wahhabiti, Stati Uniti e Turchia    ☭    Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia    ☭    La battaglia di Mosul, l’inganno di Washington e Ankara    ☭    Sviluppi politici nel Kurdistan Occidentale (Kurdistana Rojava)    ☭    Solidarietà rivoluzionaria con il ROJAVA    ☭    REFERENDUM SULLA COSTITUZIONE     ☭    Rafforzare ed estendere resistenza    ☭    C’ é ancora chi lotta contro il modello Marchionne    ☭    Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!    ☭    Collettivo Aurora - La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia!    ☭    



Lotte operaie e proletarie

Accordo Ilva, Slai Cobas e FimuCub contrari


Domenica 28 ottobre 2018

Fonte : Corriere di Taranto

Dopo a lunga, estenuante sceneggiata fatta da Di Maio, viene imposto un accordo e un referendum inutile senza che i lavoratori possano discuterlo realmente in assemblee fatte in fretta e furia e senza poter realmente conoscere e valutare con un contraddittorio i punti precisi dell’accordo». Lo sostiene lo Slai Cobas di Taranto, che commenta i termini dell’intesa tra organizzazioni sindacali e ArcelorMittal. «Pur riconoscendo – spiega lo Slai Cobas – che l’accordo è migliorativo rispetto a quello che si paventava nei giorni passati, l’accordo resta negativo, non tutela il lavoro per tutti, le condizioni di lavoro e il piano ambientale necessario, non è neanche quello che i sindacati confederali, Usb compreso, avevano promesso con parole ambigue ma che ora, di fronte all’accordo, diventano più chiare». I lavoratori, aggiunge il sindacato di base, «chiedevano che tutti gli operai fossero assunti dall’ArcelorMittal. Risultato: a Taranto solo 8.200 saranno gli operai assunti da ArcelorMittal. Tutti gli altri, circa 2.800, restano nel calderone dell’Amministrazione Straordinaria, per essere usati in non ben chiari lavori di bonifica o peggio in attività assistenziali e sociali, con entrata nel girone dei ‘corsi di formazionè e con l’unica vera garanzia della Cigs, e una garanzia generica di rientro fino ad ottobre 2025 in ArcelorMittal». La scelta di chi «sta in ArcelorMittal e chi è fuori – insiste lo Slai Cobas – è fatta unicamente secondo criteri lasciati alla discrezione ed esigenze di Mittal, cosa che non mette assolutamente gli operai nelle stesse possibilità di effettiva assunzione. Mittal procederà alle assunzioni ex novo, previo periodo di distacco di 3 mesi, salvaguardando sì livelli, salari acquisiti e diritti (art.18), ma questa garanzia non vale per gli assunti post legge Jobs act. E nulla è previsto per gli operai dell’appalto che rischiano di essere buttati a mare e sostanzialmente messi in concorrenza con i lavoratori che resteranno in Amministrazione straordinaria – conclude il sindacato di base – sui fumosi lavori di bonifiche».

“L’accordo va rigettato. Non garantisce nessun posto di lavoro tutelato, diminuisce drasticamente i lavoratori oggi dipendenti Ilva, non tutela la salute dei lavoratori e dei cittadini. Al referendum vota no«. È l’appello rivolto dalla FlmuCub agli operai Ilva, attraverso un volantino diffuso in fabbrica. Secondo il sindacato »Di Maio, Calenda, Fim, Fiom, Uilm e Usb esultano per un accordo peggiorativo delle condizioni dei lavoratori. A perdere sarà tutta la classe lavoratrice per le condizioni di sicurezza, di salute, di altri diritti a cui dovrà rinunciare pur di sperare in un posto di lavoro. A perdere saranno tutti i cittadini, non solo quelli di Taranto, perché questo accordo ratifica la limitazione al diritto alla salute e ad un ambiente salubre, sacrificati all’altare del profitto«. Non si fermano »le fonti inquinanti, sequestrate dalla magistratura – aggiunge la FlmuCub – già nel 2012, nessun piano per rimuovere l’enorme quantità di amianto, ancora presente nel sito Ilva di Taranto, resta l’immunità penale: nessun colpevole per malattia e morte che potranno continuare a colpire lavoratori e cittadini del territorio«. Ed ancora, sostiene l’organizzazione, vengono »confermati circa 3000 esuberi, già dichiarati e accettati dai sindacati con la cassa integrazione un anno fa. I lavoratori assunti da ArcelorMittal dovranno procedere alle ‘dimissioni consensualì con Ilva, accettare un nuovo rapporto di lavoro, rinunciare al diritto di continuità lavorativa, accettare tutte le condizioni di Am investCo (luogo di lavoro, anche in altre sedi del gruppo; livello e inquadramento del CCNL sulla base del contratto applicato da Mittal o dalle altre società del gruppo). Tutte le rinunce – conclude la FlmuCub – valgono anche per chi rimarrà parcheggiato in cassa integrazione per 7 anni, con salario ridotto, sperando che entro agosto 2025 gli arrivi la proposta di assunzione«.









PARTITI DISORGANICI E PARTITO OPERAIO INDIPENDENTE

riceviamo e pubblichiamo il contributo di Scintilla al dibattito sul partito
redazione aurora proletaria

Questione elettorale borghese

Per un altro spunto (se ce ne fosse ancora bisogno) sulla questione elettorale borghese

Necessità di una preparazione ideologica di massa

di Antonio Gramsci , scritto nel maggio del 1925, pubblicato in Lo Stato operaio del marzo-aprile 1931. Introduzione al primo corso della scuola interna di partito




La legislazione comunista

Articolo apparso su L'Ordine nuovo anno II n.10 del 17 luglio 1920 a firma Caesar

Antonio Gramsci : Il Partito Comunista

Articolo non firmato, L’Ordine Nuovo, 4 settembre e 9 ottobre 1920.




Antonio Gramsci - Riformismo e lotta di classe

(l'Unità, 16 marzo 1926, anno 3, n. 64, articolo non firmato)




Antonio Gramsci : La funzione del riformismo in Italia

(l’Unità, 5 febbraio 1925, anno 2, n. 27, articolo non firmato)




Referendum sulla costituzione

Votare o non votare, è questo il problema?

Lettera di un operaio FIAT di Torino

" FCA, la fabbrica modello "

Elezioni borghesi: un espediente per simulare il consenso popolare!

Lo scorso 19 giugno, con i ballottaggi, si sono consumate le ennesime elezioni previste dal sistema democratico borghese. Si trattava di elezioni amministrative ma di alto significato politico nazionale.

Collettivo Aurora
La crisi del sistema capitalista e la ricostruzione del partito comunista in Italia

Un appello alla trasformazione dei rapporti tra i comunisti, per l’ unione delle forze e la rinascita del movimento comunista.